Bazoops, una serie animata che insegna a ragionare fuori dagli schemi.

Cosa guardare in tv? Oggi ti suggerisco Bazoops! (titolo originale Kazoops!), una serie animata per bambini in età prescolare, prodotta da Netflix nel 2016 e realizzata dal compositore Scott Langley e dai designer Anthony Aston, Darren Price, Patrick Egerton e David Webster.

Il cartone animato Bazoops

Il titolo si riferisce ad una esclamazione di Monty, il protagonista della serie, ed indica un “lampo di genio”, un’idea eccezionale. Monty è un bambino allegro che vive avventure inaspettate con la famiglia e il maialino Jimmy Johns. Le sue peripezie hanno origine da situazioni quotidiane che ogni bambino vive e con cui può facilmente immedesimarsi. Il protagonista si confronta con la routine familiare e, come ogni bambino, si pone continuamente domande spassose e paradossali. Grazie a questi dubbi e a questa preziosissima curiosità, Monty prova ad immaginare soluzioni fuori dagli schemi, ragionando e smontando le proposte degli adulti.

La prospettiva pedagogica

Il piccolo spettatore è accompagnato in un processo di esplorazione e di scoperta che comincia con un confronto con Jimmy Johns e che si concretizza grazie alla fantasia dei personaggi e ad una parentesi grafico-musicale accattivante e coinvolgente. Quando Monty e Jimmy Johns condividono un’avventura immaginaria, il design e la colonna sonora si evolvono in una prospettiva “a misura di bambino”, lasciando intendere che ci troviamo di fronte ad dimensione parallela che appartiene alla fantasia, alla creatività e all’invenzione.

Bazoops ci piace perché…

Il cartone animato non dà nulla per scontato: gli scenari, i personaggi, le trame e i dialoghi sono accurati e avvincenti. In particolare, il clima è allegro e le difficoltà dei protagonisti sono sempre presentate come superabili con l’impegno e il sostegno reciproco. La storia, dunque, non è mai banale: a partire dall’ambientazione domestica che sembra uscita da una casa per le bambole arredata con mobili vintage e ricordi di viaggi esotici.

I personaggi si allontanano dagli stereotipi familiari e propongono caratterizzazioni più autentiche: una madre creativa e allegra, un papà inventore e pasticcione, una nonna forzuta con passioni travolgenti, una sorella maggiore in fase di auto-affermazione e un animale domestico intelligente, leale e un po’ pauroso.

Il superamento degli stereotipi e la ricchezza narrativa rendono Bazoops un prodotto televisivo interessante e adatto anche ai più piccini.

Cosa ne pensi? Lo conosci? Ti piace? Se questo post ti è utile, metti un like e condividilo. Io ti aspetto solitamente il martedì e il giovedì sul blog e tutti gli altri giorni sui social.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.